Roberto De Wan

Spento

 

 

 

         Il vaso di pandora, 2021, tecnica mista su tela, 150 x 100 cm

Mithos, 2021, tecnica mista su tela, 100 x 150 cm 

 

ROBERTO DE WAN – WOMEN ANYWAY

23 FEBBRAIO – 8 MARZO 2021

Orario d’apertura da martedì a venerdì 16 – 19,30 / sabato 11-13 / 16 -19,30

L’ingresso in galleria è contingentato secondo le vigenti normative Anticovid

In occasione della Milano Fashion Week la Galleria Antonio Battaglia prosegue con l’esposizione di Roberto De Wan, artista e fashion designer, opere inedite del 2020 – 21 dedicate all’immaginario femminile con l’aggiunta della recentissima opera dal titolo Il Vaso di Pandora, dipinta per l’occasionecon colori per tessuti e cosmesi. Ritratti di uomini e donne sono i soggetti ricorrenti della pittura di De Wan con riferimenti alla mitologia classica e alla letteratura con un omaggio alla Divina Commedia di Dante. Colori accesi e segno tipicamente espressionista sono i protagonisti del visionario artista torinese. In mostra anche una collettiva di artisti della galleria tra pittura e scultura dagli anni Sessanta ad oggi.


“Dipinti segretamente apollinei e sfacciatamente dionisiaci, i suoi. Dovessi dire qual è il tema più scottante edominante in questo “fare” pittorico di Roberto De Wan, punterei tutto sulla tavolozza scomposta, eccentrica, volitiva, dell’artista. Manifestano difatti queste pitture nei loro stessi impasti, nelle spericolate e dissipate figurazioni e nelle inafferrabili costruzioni o composizioni dei singoli lavori pittorici, un fare selvaggio soprattutto evidente nella tavolozza che contraddistingue questi dipinti; una tavolozza che conferma unaconsapevolezza di sé fuori dall’usuale e al tempo stesso, una libertà sconcertante, rilevabile nel ductus osegno, insomma nella pennellata, nella figurazione a-figurale, nella composizione trasfigurante”. (Rolando Bellini, Milano, 2017)

 

Roberto De Wan nasce a Torino nel 1964; inizia precocemente a disegnare e durante gli studi liceali frequenta l’atelier del pittore surrealista Pontecorvo che gli insegna nudo e ritratto. Viene Incoraggiato nella sua vocazione artistica dalla sua famiglia di creativi e fondatori della storica gioielleria De Wan a Torino, Milano, Montecarlo. Nel 1988 si laurea a pieni voti in Scienze Politiche discutendo una Tesi in Grafica bellica con il politologo Luigi Bonanate ed il sociologo Marco Revelli. A partire da quella data si dedica al Fashion Design unitamente al suo principale interesse per l’arte figurativa che applica alla rigorosa progettazione nel settore Moda. Vive e lavora fra Milano, Montecarlo e Torino, dove nella primavera di quest’anno (2021) sarà allestita una sua personale presso la Biblioteca Nazionale Universitaria.

L’esposizione si estende all’Atelier De Wan di via Manzoni 44 a Milano in un connubio di Arte e Moda